Ultime Notizie



Danzando Bigonzetti - Serata evento al Teatro Brancaccio di Roma



Luogo:Teatro Brancaccio
Via Merulana 244
Roma (RM)
Data:13/02/2017
Genere:Danza
Sabato 18 alle ore 21 e domenica 19 alle ore 17 al Teatro Brancaccio di Roma Gala Internazionale di Danza Serata Bigonzetti, un programma con grandi interpreti internazionali che hanno lavorato e interpretato il linguaggio di Bigonzetti.

Un’evento intelligente, unico, che celebra un nostro grande coreografo riconosciuto nel mondo. Io stessa, ogni volta che ho avuto la possibilità di incontrare e intervistare i grandi quali Nacho Duato, Wayne McGregor, etc. alla domanda quale nome italiano conosce tra i nostri coreografi, la prima risposta è: Mauro Bigonzetti. Ho raggiunto telefonicamente Mario Marozzi ideatore del Gala.



  Friedemann Vogel


Mario Marozzi, già Etoile dell’Opera di Roma, è stato uno dei ballerini più amati in Italia anche grazie alle sue partecipazioni televisive in programmi quali Fantastico con Heather Parisi, Campioni di Ballo con Lorella Cuccarini e molti altri. Nel 2014 fonda,  con Roberto Cuccarini, Marcello di Matteo e Marvin Marozzi, la Milleluci Entertainment, un’agenzia di spettacolo che spazia dalla danza, al teatro, al musical.

Cosa ti ha spinto a fondare un’agenzia di spettacolo?

La nostra passione per lo spettacolo dal vivo. Noi soci, a parte mio figlio Marvin, che è laureato in Economia e Commercio ma ha sempre respirato, per ovvi motivi, l’esperienza del palcoscenico, proveniamo da ambiti teatrali differenti; l’amore per il Teatro ci ha portati a creare l’ agenzia di spettacoli Milleluci.


L’idea Serata Bigonzetti da cosa nasce?

Questa è una mia idea. Conosco Mauro da molti anni, abbiamo studiato insieme alla Scuola del Teatro dell’ Opera di Roma, abbiamo lavorato insieme, il nostro è un legame molto forte, di stima, amicizia, affetto ma, a prescindere dal nostro rapporto, Mauro è indiscutibilmente uno dei coreografi più stimati e apprezzati nel mondo ed è un italiano. Rendere omaggio al lavoro di Mauro Bigonzetti non è un atto di amicizia, ma un’idea precisa, anziché proporre il solito Gala con prestigiosi danzatori, proporre uno spaccato di un linguaggio coreografico che è stato rappresentato in tutto il mondo ritengo sia una proposta interessante.


Le difficoltà nell’organizzazione un Gala?

E’ coordinare tutti i danzatori che pensi di coinvolgere, compatibilmente con i loro impegni lavorativi; in questo caso la difficoltà era maggiore in quanto se un danzatore non poteva, eravamo vincolati dalla necessità di avere interpreti che hanno lavorato con Mauro. Abbiamo grande un rammarico: sono pochi gli italiani che hanno potuto essere presenti per la serata al Brancaccio perché molti erano impegnati. In Estate saremo più agevolati nel proporre un programma con più danzatori italiani.

Pensi di portare questo progetto in altre piazze?

Cerchiamo di portarlo avanti, non sarà facile, vorremmo proporlo anche in altri paesi come, ad esempio, la Germania dove Mauro ha lavorato tanto ed è molto conosciuto ed apprezzato.

Dopo questo evento ci sono progetti nel cassetto?

La cosa che mi piacerebbe è creare una piccola compagnia in collaborazione proprio con Mauro. Un progetto che deve tener conto dei problemi economici a cui dovremmo andare incontro, diciamo al momento siamo in un working in progress.

Come potremmo aiutare la danza a recuperare uno spazio politico; cosa dovremmo fare a tuo parere per il ripristino delle compagnie negli Enti Lirici?

Io sono molto amareggiato dalle ultime vicende. Inutile ribadire il concetto che la politica dovrebbe per prima porsi il quesito di come risolvere diversamente le problematiche economiche in un Ente Lirico, senza buttare a mare un patrimonio ballettistico e un’arte quale la danza, amata da migliaia di persone. Non possiamo negare che i problemi sono nati anche da parte di comportamenti esasperanti da parte dei lavoratori che hanno esagerato per alcuni aspetti, ma tengo anche a informare che la maggior parte dei lavoratori del mondo dello spettacolo e parlo di tutti i settori, musicisti, coristi, danzatori, sono grandi professionisti che hanno passione, cuore, professionalità. Non è certamente chiudendo un corpo di ballo che risolvi i problemi economici di un Ente Lirico. Non dimentichiamo come alcuni amministratori hanno fatto degli scempi, sprecato denaro pubblico, elargito favori personali. Il sistema va rivisto nella sua totalità.
Vorrei anche informarvi che pure in Italia vige il principio della verifica su un artista, ma non è mai stata applicata. Ad esempio, in Francia, il principio della stabilità vige solo all’Operà de Paris, negli altri Corpi di Ballo i contratti sono biennali o annuali.
Credo che con una sana gestione, la volontà politica e la collaborazione dei lavoratori del mondo dello spettacolo si potrebbero trovare soluzioni virtuose per il ripristino dei corpi di ballo.

Un’occasione da non perdere, sabato e domenica prossima, soprattutto per gli insegnanti di danza che dovrebbero stimolare i loro allievi ad andare a vedere uno spettacolo che racconta un nostro grande artista.
Un’occasione da non perdere per tutti gli amanti della bella danza.

Clicca qui per il programma della Serata 


 


Contatti:

Infoline: 06 80687231
Sito Web: www.teatrobrancaccio.it
Email: n.d.